·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

Lei è
Meryl

amore

Lei è Meryl. Ha 29 anni, è un’attrice americana alle prime armi. È fidanzata con John. Anche lui fa l’attore, ha recitato addirittura con Al Pacino. Ogni mattina si svegliano e vanno a Hollywood per inseguire un sogno. È il 1978. Meryl riceve una chiamata. John si è sentito male. Lo raggiunge in ospedale. Ha un cancro in fase terminale, gli resta poco. John si chiude nel mutismo, Meryl lo porta a cena nel loro ristorante preferito. Si mostra forte, allegra, gli dona amore e speranza. Crolla solo quando capisce che è arrivato il momento. John sorride. Va tutto bene amore mio, non resterai sola, te lo prometto. Meryl piange per giorni, poi chiama il fratello. Aiutami, devo andarmene da questa casa, ma non so dove. Passa poco tempo, suona il campanello. È Don, un amico del fratello. Fa lo scultore, è in partenza per l’Europa, le sta offrendo il suo appartamento. Meryl è felice. Don la aiuta con gli scatoloni, poi saluta. Ricordati che non sei sola. Meryl sente battere forte il cuore, quelle parole sono dolci e amare al tempo stesso. Intanto la sua carriera va a gonfie vele, vince premi e riconoscimenti, mentre tutto il resto è sempre grigio. Un giorno riceve una lettera. Don racconta della sua esperienza in Europa, i luoghi, la bellezza, la Torre Eiffel, i vicoletti di Napoli, i tramonti sul mare del Nord. Meryl assorbe ogni parola, chiude gli occhi, sogna. Le lettere di Don diventano un appuntamento fisso. Meryl non vede l’ora di sapere cosa ha visto, cosa ha fatto, gli sembra di essere con lui. Già, quanto vorrebbe essere al suo fianco. Passano sei mesi. Suonano alla porta. Meryl resta di sasso. Te l’avevo detto che non saresti rimasta sola. Don allunga la mano, Meryl ha paura. Il ricordo di John è ancora fresco, come le sue ultime parole. Fa un bel respiro e spalanca la porta della sua vita. Oggi Meryl e Don hanno quattro figli, sono sposati da più di quarant’anni.