·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

Lei è
Silvia

adozione

Lei è Silvia. Vive a Brembate, in Lombardia. Ha 22 anni. È sposata con Oscar, desiderano un bambino, ma non arriva. Gli esami parlano chiaro, non possono avere figli. Silvia prende fiato, caccia indietro le lacrime e cambia prospettiva. Si infilano nel tunnel dell’adozione, i tempi di attesa sono infinti, la burocrazia è scoraggiante. Dopo tre anni di scartoffie, finalmente vedono la luce. Volano in Russia, entrano in orfanotrofio, degli occhioni verdi fanno capolino dalla porta. Silvia non si trattiene più. Urla di gioia, corre incontro al piccolo, lo stringe al petto, sente il suo cuore, il suo respiro, ne è sicura. Quello è suo figlio. Aleksandr ha 3 anni, sorride tanto, ma parla e si muove con difficoltà. Le assicurano che il bambino è sano come un pesce, lo mettono anche nero su bianco. Silvia però non è tranquilla. Una volta in Italia corre dal medico. Spunta fuori che Aleksandr soffre di una patologia rara, la donna che l’ha messo al mondo beveva tanto e il figlio che portava in grembo ha pagato il conto. Silvia è furiosa. Si sente truffata, pensa di chiamare, scatenare l’inferno. Si blocca. Se lo avesse saputo, avrebbe fatto una scelta diversa? Piange, mentre stringe al petto il suo bambino. Tesoro mio, la mamma non ti lascia. Passano gli anni. Aleksandr frequenta le Medie, si sta facendo strada nella vita a piccoli passi. Silvia guarda la sua casa, c’è tanto spazio e tanto amore. Ricomincia con le pratiche, torna in Russia, me è più accorta. Scopre che le hanno assegnato un altro bambino con dei problemi. È ancora in tempo, non ha alcun obbligo, può salutare tutti e tornare in Italia. In quell’istante la porta si apre, e due guanciotte arrossate irrompono nella stanza. La mente tentenna, il cuore è già oltre. Oggi Silvia ha 45 anni. Suo figlio Aleksandr è un adolescente tutto d’un pezzo, aiuta il padre nel bar di famiglia. Il piccolo Valery ha iniziato da poco la scuola, e alle lista delle difficoltà si è aggiunto anche l’autismo. Silvia si è sentita smarrita per un istante, il tempo di guardare i suoi figli negli occhi, e ha ripreso a correre.

LA STORIA CONTINUA