·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

·

Storie degli Altri è stata selezionata con menzione speciale da

Lei è
Emanuela

madre

Lei è Emanuela. Nasce a Messina, in Sicilia, nel 1982. Cresce in una famiglia unita, i genitori non le fanno mancare nulla. Emanuela è molto legata alla mamma, una donna forte che la sprona a non arrendersi davanti a niente. È il 2009, Emanuela ha 27 anni. Entra nella stanza della madre mentre la donna si sta vestendo. C’è qualcosa di strano, sembra una pallina, appena sotto il seno. Non le piace. Trascina la mamma in un centro diagnostico. Il medico si mette le mani nei capelli. Signora, lei ha un tumore, purtroppo in stadio avanzato. Emanuela trema come una foglia, mentre mamma Lina sembra una roccia, affronta le cure senza lamentarsi, tira fuori un coraggio contagioso, fino a quando vince la sua battaglia. Emanuela ha ancora le palpitazioni, la madre ha già voltato pagina. Figlia mia, quanto mi piacerebbe vederti all’altare. Prima tocca al fratello, poi è il suo turno. Sono due matrimoni in due anni. Mamma, adesso sei felice? Lina sorride. Molto, lo sarei ancora di più se poi ci fossero dei nipotini. È il 2018. Emanuela è incinta. La madre scoppia di gioia, ma poco prima del parto è costretta a tornare in sala operatoria. Emanuela piange mentre la mamma accarezza la sua pancia. Amore di nonna, aspettami. La promessa è mantenuta, la mamma si rimette in piedi e stringe il piccolo Gabriele tra le braccia. Il tumore però non dà tregua. Emanuela cerca la consueta forza nella sua mamma, ma trova una donna stanca. Tesoro, me ne vado felice, ho tutto quello che ho sempre desiderato. La sua grande mamma si spegne tra le sue braccia. Emanuela non sa da che parte voltarsi, il dolore la dilania. Trascorre un anno esatto. Si tocca il seno. Non può essere! Rivive la paura, l’angoscia, teme di non farcela. Il medico la guarda dritta negli occhi. Adesso ti calmi, e affronti tutto con la stessa forza di tua madre. È una sberla. Emanuela barcolla, poi si rimette in piedi. Tira fuori il coraggio e indossa l’armatura della madre. Ora ha vinto la battaglia. Ce l’ha fatta grazie a chi le vuole bene, e a quella donna incredibile che l’ha messa al mondo.

LA STORIA CONTINUA